Come alcuni tipi di cancro rispondono a varie diete e come la dieta influisce sul metabolismo delle cellule tumorali è diventato sempre più curioso anche se la tua dieta è basata sul pesce. Esamineremo come la dieta e l'alimentazione possono essere utilizzate al meglio per controllare il cancro nei pazienti. I modi in cui le cellule tumorali utilizzano i nutrienti sono determinati dai fattori intrinseci ed estrinseci della cellula tumorale., comprese le loro interazioni con l'ambiente.

Queste interazioni possono influenzare l'efficacia del trattamento del cancro.. I cambiamenti nella dieta possono influenzare l'ambiente a cui è esposto il tumore. Esistono prove evidenti che mostrano come la dieta interagisce con il trattamento e blocca la crescita del tumore. L'uso alimentare non è l'unico fattore determinante della genetica del cancro. Il metabolismo delle cellule cancerose è anche influenzato da restrizioni metaboliche tessuto-specifiche e ambientali.

L'obiettivo è comprendere meglio come le interazioni tra le cellule tumorali e il loro micro e macro ambiente definiscono i deficit metabolici del tumore e sviluppare trattamenti antitumorali più efficaci, compreso l'accompagnamento di cure palliative. È noto da tempo che dieta e nutrizione contribuiscono al rischio di cancro.

Per esempio, mentre gli studi clinici e di laboratorio associano l'obesità e il consumo eccessivo di calorie con un aumento del rischio di cancro; diete a basso contenuto di carboidrati e a basso contenuto di grassi associate con una bassa incidenza (frequenza) Di cancro. In che modo la dieta influisce sulla progressione del tumore quando una persona ha già il cancro, al contrario del rischio di cancro e si sa poco sull'uso di determinate diete da solo, può essere a base di pesce, vegetariano o vegano o in combinazione con i trattamenti aumenta l'aspettativa di vita. Vari studi vengono effettuati per comprendere questo problema.

Ricorda, È difficile indagare i legami tra dieta e cancro nei pazienti a causa della fattibilità, rispettare e progettare i controlli giusti può rappresentare una sfida. Molte di queste sfide consistono in condizioni come la formulazione dietetica, apporto calorico, genetica del tumore, il tipo di cancro e l'assunzione di campioni biologici.

L'utilizzo di modelli di cancro animale che possono essere controllati può alleviare in una certa misura queste difficoltà.. Sebbene la fisiologia animale differisca dalle caratteristiche della fisiologia umana, Informazioni preziose possono essere ottenute anche da questi modelli animali preclinici, permettendoci di affinare le domande da porre in seguito negli studi clinici sull'uomo dove tutte le variabili sono più difficili da controllare.

Diete specifiche e studio delle interazioni tumorali

Le diete consistono in tre categorie di macronutrienti (carboidrati, grassi e proteine), ognuno dei quali contribuisce all'apporto calorico. Le diete contengono anche ingredienti che non contribuiscono all'apporto calorico, come le vitamine, minerali e fibre. Modificando la proporzione di questi diversi macronutrienti nella dieta, possiamo fare diete, ognuno dei quali ha effetti diversi sul metabolismo e sulla fisiologia dell'intero organismo. Emergono modelli dietetici diversi, come dieta ipocalorica, chetogenico e ricco di grassi.

Dieta ipocalorica (con pochi carboidrati) si ottiene tipicamente limitando i carboidrati mantenendo la stessa quantità di nutrienti come le proteine, grassi, vitamine e minerali per indurre livelli più bassi di glucosio nel sangue e insulina. Contiene una restrizione di 30-40% in calorie totali rispetto al gruppo di controllo.

La dieta chetogenica è ricca di grassi. La differenza principale è che la dieta ricca di grassi comporta ancora un consumo significativo di carboidrati e porta a diversi effetti fisiologici.. Sin embargo, la dieta chetogenica mira a limitare i carboidrati. La dieta di controllo rappresenta la composizione dei macronutrienti di un ratto di laboratorio standard comunemente usato: carboidrati, grassi, proteine ​​e vitamine e minerali.